Come ogni anno il Comune di Quagliuzzo, da sempre sensibile e attento a tale tematica, ha voluto mettere in atto una iniziativa per la ricorrenza del 25 Novembre “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” consistente nel concorso “Coraggio donna, donna coraggio” rivolto alle scuole primarie del proprio territorio.
L’Istituto Comprensivo di Vistrorio ha aderito con entusiasmo coinvolgendo i plessi delle elementari di Loranzè, Rueglio e Valchiusa.
Il concorso prevedeva la realizzazione di elaborati grafici come disegni, fotografie o collages che testimoniassero il coraggio che le donne di tutto il mondo dimostrano nel ribellarsi ad ogni forma di sopruso, discriminazione o violenza da parte del genere maschile, da regimi totalitari o integralismi religiosi.

Essendo questo un argomento che a pieno titolo può essere incluso nei percorsi formativi ed educativi è stato subito accettato positivamente dal corpo docente che ha sviluppato tale tematica presso le classi IV e V del proprio istituto. La “Casa delle donne “ di Ivrea ha dato la propria disponibilità alla collaborazione effettuando un intervento / lezione presso la primaria di Loranzè stimolando gli alunni a tutta una serie di riflessioni sulla parità di genere.
I lavori scaturiti sono stati molto apprezzati dalla commissione giudicatrice formata dall’Assessore alla cultura del Comune di Quagliuzzo Albarosa Bertoli, dalla rappresentante della casa delle donne Ottavia Mermoz e dal grafico Riccardo Gallo Pecca.

Il primo premio è stato assegnato alle classi IV e V della scuola primaria di Valchiusa per un lavoro collettivo, il secondo premio è stato assegnato alla classe IV di Loranzè ed il terzo alle classi V di Loranzè.

1° classificato
I premi, consistenti in buoni spesa presso una cartolibreria del territorio, sono stati consegnati dal Sindaco di Quagliuzzo Ernesto Barlese e dal Sindaco di Loranzè Claudio Marchiori Venerdi 25 Novembre alle ore 15,00 presso la palestra dell’Istituto di Loranzè e i lavori sono rimasti in esposizione anche il giorno successivo e poi trasferiti nei corridoi dei plessi scolastici di appartenenza.

2° classificato

3° classificato